Attività 14 Per donare credito alla vita, quale banca scegli? 

 

TEMPO 50 minuti
TIPO DI ATTIVITÀ Esplorazione, analisi e integrazione delle conoscenze
OBIETTIVI
Distinguere le principali caratteristiche della banca tradizionale e della banca etica
Mettere in relazione le principali caratteristiche della banca etica con i precetti della finanza etica
Comprendere le implicazioni della trasparenza in termini di etica delle decisioni finanziarie
Essere consapevoli delle differenze tra i principi della banca tradizionale e quelli della banca etica
CONTENUTI
Riflessione e relazione di concetti
Discussione di gruppo, organizzazione ed esposizione delle proprie opinioni

 

SVOLGIMENTO DELL’ATTIVITÀ:

L’attività consiste nella visualizzazione di due videoclip, uno corrispondente alla campagna “Banca Armada” di Setem, Delàs Center for Peace e FETS e l’altro è un frammento del programma “Salvados” dedicato alla crisi finanziaria in cui si intervista Joan Antoni Melé. I due videoclip si trovano a questi link:

–       Intervista Salvados:

–       Videoclip “Banca Armada”

1- In primo luogo, agli studenti verrà presentata la tabella inserita negli allegati, dove si confrontano le caratteristiche della banca etica con quelle della banca tradizionale. Si commenterà brevemente (5-10 minuti).

2- Di seguito si vedranno i videoclip menzionati. Proponiamo che il videoclip di Banca Armada venga visto per primo, e poi l’intervista di Salvados. Tuttavia, la decisione dovrà essere presa dall’insegnante (20 minuti).

3- Subito dopo, si realizzerà un dibattito con il gruppo. Proponiamo una serie di domande per dinamizzarlo (20 minuti). L’insegnante potrà inserire nuove domande o modificare quelle proposte.

  • Pensate che sia facile informarsi come utente su come verranno utilizzati i nostri soldi dopo averli depositati in banca?
  • Quale ruolo ritenete che giochi il desiderio dell’utente di guadagnare soldi con i suoi depositi nell’attività bancaria?
  • Pensate che esistano alternative sufficienti alla banca tradizionale?
  • Se aprire un conto corrente in una banca etica fosse più costoso che aprirne uno in una banca tradizionale, pensate che varrebbe la pena aprirlo in una banca responsabile?
  • Quali sarebbero le quattro domande che fareste al personale di una banca prima di decidere se aprire lì un conto corrente?
  • Pensate che come clientela abbiamo la responsabilità di controllare il movimento dei nostri risparmi?

Ancora una volta, si raccomanda agli insegnanti di cercare di mantenere l’equilibrio della partecipazione di ragazzi e ragazze e di dare la priorità all’intervento degli studenti che normalmente non partecipano così tanto.

Inoltre, si raccomanda di creare un clima che consenta di esporre idee molto diverse e visioni opposte. In questo caso, è importante essere sensibili nei confronti del gruppo, qualora qualcuno abbia un familiare che lavora nell’ambito delle attività finanziarie commerciali; durante l’attività non si tratta di demonizzare le persone, ma di analizzare le differenze tra i due modelli che forniscono servizi finanziari, i loro meccanismi e i loro scopi.

L’attività potrebbe concludersi con l’inclusione della notizia che Triodos investe anche in fondi aziendali tradizionali e che all’epoca provocò molta polemica, al punto che molti istituti sociali ritirarono i loro fondi dalla banca.

La riflessione che proponiamo è che, per garantire la responsabilità delle banche non basta avere fiducia nell’etichetta di banca etica.

La banca etica o responsabile è il riflesso di un consumatore che ha una maggiore consapevolezza del suo ruolo di agente economico globale. Se questa consapevolezza non resta attiva, alla fine la banca etica potrebbe incorrere on nuove situazioni controverse che passeranno inosservate.

L’idea è quella di discutere almeno delle due opzioni: è la banca etica che cambierà la società semplicemente agendo come una banca responsabile, oppure è il cliente consapevole che cambierà la banca e la renderà più attenta e predisposta a soddisfare un ruolo sociale determinato?

Le notizie sulle irregolarità di Triodos sono disponibili nella sezione “Materiale supplementare”.

 

Materiale:

  • Non sono necessari materiali speciali. Proiettore e accesso a Internet

 

Valutazione:

Questa attività vuol essere un contrappunto ad altre attività della guida che si basano sul ruolo degli istituti, aprendo uno spazio a ragazzi e ragazze affinché riflettano in modo specifico sul loro ruolo di agenti economici.

Pertanto, durante la discussione e attraverso alcune delle domande, l’insegnante dovrebbe essere in grado di identificare il grado di raggiungimento degli obiettivi proposti.

Tuttavia, ciascun insegnante potrà scegliere se utilizzare rubriche di valutazione simili ad alcune di quelle presenti in questa guida. Le domande che proponiamo insieme agli obiettivi potrebbero servire da guida per gli elementi di valutazione della rubrica in questione.

 

Materiale supplementare